Marconi inaugura la Radio Vaticana alla presenza di Pio XI (1931) (Wikipedia)

Nell’ambito della comunicazione, la radio ha rappresentato un vero e proprio punto di svolta. Tuttora rappresenta un mezzo do comunicazione di massa molto utilizzato, nonostante l’avvento di Interne e del digitale abbia fornito moltissime altre possibilità di ascoltare musica e notizie. La radio digitale è già una realtà, ma permane anche la radio a modulazione di frequenza. D’altro canto abbiamo visto come non necessariamente nuove tecnologie e vecchi mezzi siano in contrasto. Si pensi, ad esempio ai benefici che il digitale e Internet hanno apportato alla stampa. Oggi grazie ai servizi di stampa online è possibile realizzare prodotti tipografici, ma non solo, rimanendo seduti a casa davanti a un pc o a uno smartphone.

Ma questo è un altro discorso, anche se assolutamente non scollegato da quanto stiamo scrivendo a proposito della radio. Uno strumento che ha più di cento anni ma che rimane attuale e molto utilizzato.

Prima della radio come mezzo di comunicazione è stata fondamentale un’altra scoperta, ossia quella delle onde elettromagnetiche

da parte di James Clerk Maxwell fra il 1861 e il 1865. Maxwell nel 1873, poi, per primo descrisse la base teorica della propagazione delle onde elettromagnetiche. Queste propagandosi nell’etere possono essere catturate utilizzando strumenti adatti.
Il fisco italiano Guglielmo Marconi e il collega russo Aleksandr Stepanovic Popov studiarono la realizzazione di uno strumento capace di catturare queste onde. Popov tra il 1895 e il 1896 costruì un ricevitore per captare le onde radio, mentre in Italia Guglielmo Marconi riuscì a migliorare il suo apparecchio realizzato per far passare i segnali dai lati opposti di una collina.

I lavori di Marconi in Italia furono non molto valorizzati e il fisico dovette terminare la sua intuizione a Londra. Il primo brevetto per il prototipo di radio fu presentato il 5 marzo 1896 da Marconi che anticipò Popov solo di qualche settimana. Per l’invenzione della radio Marconi vinse il Premio Nobel per la Fisica nel 1909.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.